Il ruolo tecnologico dell’India

IndiaIn un recente articolo di Business Insider, si fà riferimento a delle statistiche impressionanti che riguardano l’avanzata tecnlogica dell’India.

I numeri includono:

1.210.000.000: il numero degli abitanti in India

50%: la percentuale della penetrazione della telefonia mobile nel paese

742.500.000: gli indiani che abitano le zone rurali del paese (ovvero più del 72% del totale e due volte e mezzo la popolazione degli Stati Uniti d’America)

791.000.000: il numero di abbonati a servizi di telefonia mobile attivi in India (più del 67% dell’intera popolazione)

20.000.000: il numero di nuovi abbonati, ogni mese, a servizi di telefonia mobile (pari all’aggiunta dell’intera popolazione dell’Olanda, ogni mese)

50%: la percentuale della popolazione al di sotto dei 25 anni

520.000.000: il numero degli spettatori TV in India

90.000.000.000: il numero degli SMS inviati tramite il carrier AirTel, nel corso del 2010 (più di 2.850 sms al secondo)

10.000.000.000: il numero di banner visualizzati ogni mese nei canali di telefonia mobile indiani (equivalenti ad oltre 3.850 impressions ogni secondo)

3.6 miliardi di dollari: la stima del fatturato dell’industria di contenuti a valore aggiunto per la telefonia mobile per il 2011 (equivalenti a circa 5 dollari spesi da ogni indiano, in un anno per questo tipo di servizi)

100.000.000: il numero di indiani collegati ad internet (l’8% della popolazione)

25%: la percentuale di crescita di nuovi utenti collegati ad internet negli ultimi 12 mesi

26 minuti: il tempo medio consumato in un giorno su Internet in India

60%: la percentuale di utenti indiani che accedono ad internet tramite Internet Point/Internet Cafè

31%: la percentuale della popolazione rurale che dichiara di essere estranea ad Internet (il che equivale all’intera popolazione del Brasile)

12.000.000: gli utenti Internet delle zone rurali indiane (meno del 2% della popolazione rurale)

10 Km: la distanza media percorsa dagli abitanti di zone rurali, per collegarsi ad Internet

Intrattenimento (Film e Musica): la motivazione principale per la quale gli indiani rurali si collegano ad Internet

10 miliardi di dollari: il valore stimato dell’e-commerce in India per il 2011

60%: la crescita dell’e-commerce durante il 2010 in India

33.158.000: il numero di iscritti a social network in India

3 ore: la durata media spesa dagli utenti indiani, al mese, all’interno di Social Networks

96%: la percentuale di aziende IT che proibiscono l’uso di Social Networks sul posto di lavoro

23.893.800: il numero d’iscritti a Facebook in India (più dell’intera popolazione dell’Australia, ma sempre meno del 2% dell’intera popolazione dell’India)

60%: la percentuale di crescita di nuovi iscritti a Facebook in India nel corso del 2010

79%: la percentuale di utenti Facebook in India al di sotto dei 30 anni

48%: la percentuale di utenti Facebook indiani compresi nel range di età dai 18 ai 24 anni

71%: la percentuale di utenti indiani maschi iscritti a Facebook

Videogames: la destinazione principale su Facebook da parte degli iscritti indiani

Le migliori 10 pagine su Facebook in India:

1) Tata – Docomo

2) Vodafone – Zoozoos

3) Axe Angels Club

4) Fastrack

5) Mumbai Indians

6) Kingfisher

7) Pepsi India

8 ) Pizza Hut Celebrations

9) Blackberry India

10) Flipkart.com

35%: la percentuale del traffico globale di Orkut (che proviene dall’India)

18.700.000: il numero di utenti indiani iscritti a Orkut

9.000.000: il numero d’iscritti a Linkedin in India

2.740.000: il numero d’iscritti a Twitter in India

70%: la percentuale di indiani che guarda video online

807.200.000: i minuti spesi su ESPNCricInfo.com durante la Coppa del Mondo (ICC World Cup 2011) (un rapido calcolo per scoprire che sono in tutto 1.500 anni cumulativi)

40.000.000: gli utenti indiani che accedono ad Internet tramite dispositivi mobili

59%: gli utenti in India che accedono ad internet solo con dispositivi mobili

13.500.000: utenti internet collegati con dispositivi mobili che non dispongono di conto bancario

59%: il market share di Nokia in India

97%: lo share di Google nelle ricerche su Internet in India

Nokia: il brand più ricercato su Google in India

“Come Baciare”: la domanda più ricercata su Google in India

Tablet, iPhone, Nokia e Microsoft: Domande & Risposte

(da “Domande e Risposte” – Il Sole 24 Ore, Sabato 12 Febbraio 2011 a cura di Luca Tremolada)
Cosa significa l’accordo Nokia-Microsoft?
Il produttore finlandese di telefonini Nokia ha stretto un accordo per ospitare sui propri cellulari Windows 7, il sistema operativo mobile di Microsoft. La mossa intende far tornare Nokia competitiva in un mercato che è cambiato radicalmente con l’ingresso di Apple e la nascita degli smartphone, i cosidetti telefonini intelligenti. Nelle ragioni di acquisto oggi contano sempre di più sistema operativo, applicazioni e software. Ecco perché l’accordo di Nokia vuole rispondere alla sfida lanciata da Apple e Google che con iPhone e il sistema operativo Android hanno cambiato gli equilibri del mercato.

Chi vince e chi perde nel mondo dei produttori di telefonini?
Nokia resta il primo produttore al mondo di telefoni ma la sua quota di mercato è passata dal 36% del 2009 al 28,9% del 2010. Samsung in forte ascesa sale al secondo posto (17,6%) seguita Lg (7,1%), Research in Motion (3%) e Apple al 2,9%. Va ricordato che Apple produce solo un modello di cellulare, l’iPhone.

Come è l’andamento della telefonia mobile?
Secondo le rilevazioni del centro di ricerca Gartner, nel mondo ci sono 1,6 miliardi di telefonini, il 32% in più rispetto al 2009.
A trainare la crescita sono gli smartphone, ovvero i cellulare più sofisticati e più costosi. Tra questi si annoverano Blackberry e iPhone.

Perché sono così importanti i sistemi operativi?
I sistemi operativi – il software che governa le funzioni del cellulare – sono divenuti determinanti perché grazie agli store consentono ai cellulari di svolgere funzioni diverse e più sofisticate. Gli smartphone si collegano a internet, gestiscono la posta elettronica, permettono di scattare fotografie, filmati, registrano la voce, riproducono la musica e i video.
Come piccoli computer consentono anche di scirvere documenti. Questa potenzialità di funzioni ha cambiato il mercato.

Quali sono i sistemi operativi?
Se concentriamo lo sguardo sugli smartphone, Symbian di Nokia resta leader con una quota superiore al 30 per cento. Ma sta perdendo terreno. Segue Android, il sistema operativo di Google adottato su Htc, Samsung, Lg e altri produttori orientali.

Cosa è un app store?
Uno store è un negozio virtuale dove gli utenti possono acquistare dei servizi. Le applicazioni (o software) possono essere gratuite o a pagamento. Il modello di business varia da piattaforma a piattaforma. Apple trattiene il 30% del prezzo di acquisto per ogni download.

Cosa è una web app e perché rischia di rimettere in discussione gli equilibri.
La web app è una applicazione che non deve essere installata, opera nel browser e si appoggia a internet per funzionare.
In sostanza non ha bisogno di uno store per essere caricata sul cellulare. Basta un browser, ovvero il servizio per navigare su internet. Un esempio di web app è rappresentato da Google Documents, una suite di produttività che si trova disponibile su internet e consente tra le altre cose di scrivere documenti di testo. Le web app si basano su linguaggi come Html5 e Java. Per chi sviluppa programmi, scrive una volta sola il software rappresenta un vantaggio sia in termini economici che tecnici. Una app di questo tipo si rende immediatamente disponibile per qualsiasi telefonino o tablet. Occorrerà capire se e quanti sviluppatore sceglieranno di scrivere programmi fuori dagli store.

Nokia si prepara a rimuovere il DRM

Dopo iTunes, Amazon e diversi altri canali digitali, anche Nokia Music si appresta a levare il “lucchetto” DRM (Digital Rights Management) dal proprio catalogo entro l’inizio del prossimo 2010.

Al momento gli utenti che acquistano tramite Nokia Music Store non possono riprodurre la canzone su altri supporti (iPod o similari) e possono essere masterizzati un numero limitato di CD. Alcuni reports che arrivano da Mobile Entertainment citano inoltre che oltre il 60% degli utenti che in Inghilterra che hanno acquistato un 5180 “Comes With Music”, hanno attivato il servizio di musica illimitata (musica gratis per 12 mesi). Tale percentuale è inoltre superiore in Messico dove ben il 70% dell’utenza ha attivato il servizio “Comes with music”.

Bookmark and Share

Nokia Comes with Music

Sulla scia del successo riscosso nel Regno Unito, Australia e Singapore, Nokia Comes with Music arriverà il 27 Marzo prossimo anche in Italia e consentirà a tutti gli appassionati di musica un sistema rivoluzionario per scoprire e ascoltare i propri brani e artisti preferiti.

Nokia Comes With Music offre un anno di accesso illimitato all’intero catalogo del Nokia Music Store e la possibilità di tenere tutti i brani scaricati anche una volta terminato questo periodo. Coloro che acquistano il Nokia 5800 XpressMusic black in edizione ‘Comes with Music,’ già disponibile in preorder su Nokia Online Shop (www.nokia.it/shop) ad un prezzo di 469 € iva inclusa e dal 27 marzo in vendita presso tutti i Nokia Store (www.nokia.it/store), saranno per la prima volta liberi di cercare, ascoltare e scaricare in modo assolutamente legale tutti i brani desiderati, scegliendo all’interno del catalogo fra i milioni di brani disponibili.

Andrea Montagnini, Nokia Music Store Manager ha commentato: “Crediamo che Comes With Music trasformerà il modo in cui le persone ascoltano la musica. Grazie all’accesso illimitato per un anno, sarà possibile ascoltare i propri artisti preferiti o esplorare nuovi generi senza dover acquistare singole tracce o interi album”. “Comes With Music,Comes With Music culture! La cultura musicale non è mai stata così accessibile!Anzi di più: semplice, divertente e finalmente completa, perché per la prima volta tutti avranno la possibilità di scoprire senza spendere un euro in più il meraviglioso mondo che si cela dietro le HIT più famose ascoltando l’intero album, o dietro i nuovi artisti. Comes With Music permetterà agli appassionati di tutti i generi musicali di esplorare senza confini. Questa è cultura.” Ha dichiarato Paola Maugeri, giornalista e conduttrice televisiva.

Nokia Comes With Music

Nel giorno del lancio di un vero concorrente di iPhone (il modello 5800 Xpress Music di Nokia), Nokia annuncia un piano rivoluzionario per tutti i fruitori di musica digitale (e in special modo tutti coloro non propensi ad un acquisto legale di musica): il progetto Nokia Comes With Music prevede una maggiorazione sul prezzo del telefonino (la maggiorazione sarà destinata agli artisti, alle etichette e agli editori) e dà accesso ad un immenso catalogo musicale (tutte le majors, tutte le principali indipendenti e naturalmente quello di Wondermark) a disposizione gratuitamente per 12 mesi, oltre i quali la musica rimarrà comunque di proprietà del fruitore. Un progetto davvero coraggioso ed importante.

OVI Music Store Italia

Nokia Music Store Il negozio musicale di Nokia arriverà anche in Italia prima della fine del mese di giugno. La comunicazione della data di lancio anche nel nostro paese della sezione dedicata alle canzoni del portale Ovi è giunta nel giorno del lancio del negozi tedesco, il secondo sul territorio europeo dopo il “capostipite”, lo store del Regno Unito.

Nokia includerà, si è appreso ieri, l’Italia nel gruppo dei principali paesi con Francia, Spagna, Australia e Singapore. In tutte queste nazioni sarà possibile comprare musica direttamente da Internet, musica che, ovviamente, sarà compatibile con i telefoni Nokia. Purtroppo per l’acquisto via Pc si dovrà avere un sistema operativo Windows e Internet Explorer. Niente Mac né browser alternativi, dunque.

Il negozio di Nokia è l’unico ad avere ambizioni realmente internazionali su vasta scala e quindi ad essere in grado di concorrere con iTunes. Attualmente i negozio musicali o sono di impronta nazionale oppure operano in un numero ristretto di paesi. È il caso di Amazon (che dovrebbe arrivare anche in Europa ma solo nelle nazioni dove oggi è presente che sono Regnio Unito, Francia e Germania) o di Napster (Regno Unito e Germania).

Le canzoni di Nokia costeranno un euro. Al momento non è chiaro che cosa accadrà con mappe e giochi che dovrebbero tutti passare per il negozio Ovi, ovvero se anche per questo tipo di contenuti si prevede un lancio a breve termine anche nel nostro paese.