10 anni di iTunes

Il 9 gennaio 2001 veniva lanciato il software che, con l’iPod, ha cambiato per sempre il mondo della musica. Da allora i clienti hanno scaricato oltre 10 miliardi di brani, e nel negozio Apple sono disponibili anche film, serie tv e “apps”

iPodE’ diventato sinonimo della musica digitale e oggi, a distanza di dieci anni dalla nascita, oltre alla musica, ai film ai video e ai videogiochi, è diventato anche sinonimo delle tante “apps”, le applicazioni che utilizziamo giornalmente sul nostro smartphone. Parliamo di iTunes, il software per gestire il “negozio elettronico” di Apple di cui il 9 gennaio ricorre il decimo anniversario. E se milioni di persone escono di casa con le canzoni più amate in tasca e se l’industria discografica ha trovato nuova linfa dopo esser stata messa in crisi dal “peer to peer” illegale su Internet, il merito è in buona parte di Apple e della rivoluzione digitale che lanciò dieci anni fa, prima con iTunes, il 9 gennaio 2001, e poi con l’iPod, nell’ottobre successivo.

Oggi il software Apple per la gestione e l’acquisto dei brani musicali digitali, che ha per slogan “Tutto quanto fa spettacolo”, è arrivato alla versione 10 ed è, oltre che multipiattaforma, accessibile online anche dai cellulari. Dieci anni fa le potenzialità di iTunes erano però meno evidenti, anche se sin dall’inizio fu chiaro l’entusiasmo degli utenti per questo nuovo software.

La strategia della casa di Cupertino divenne più evidente con l’arrivo, il 21 ottobre 2001, dell’iPod: un lettore Mp3 in grado di contenere mille canzoni trasferibili dal Mac proprio con iTunes. Col tempo le canzoni sono diventate sempre di più e oggi il “Classic” può contenerne fino a 40mila, grazie ad un hard disk da 160 gigabyte. Ma l’iPod è diventato anche “touch” (e nano), grazie allo schermo tattile e, proprio come iTunes, è in grado di archiviare e riprodurre migliaia di brani, immagini e video. Grazie al wi-fi può inoltre navigare in rete, gestire la posta elettronica e soprattutto far girare applicazioni e videogiochi dalla grafica avanzata. Il successo dell’iPod è sancito dalle cifre: dal debutto ad oggi Apple ha venduto circa 280 milioni di dispositivi nel mondo.

Il terzo ingrediente della “rivoluzione digitale dell’entertainment” targata Apple è arrivato due anni dopo, nel maggio del 2003. L’iTunes Music Store, accessibile da iTunes, è un negozio online su cui comprare singole canzoni a 99 centesimi. L’idea si rivela subito vincente: in poco più di quattro mesi i brani venduti negli Usa raggiungono i 10 milioni e le case discografiche iniziano a dar credito alla piattaforma, in un momento in cui lo scambio illegale di musica su internet sta intaccando notevolmente le vendite tradizionali.

Il catalogo, che all’esordio contava 200 mila canzoni, arriva al milione nel giro di un anno e il negozio esce dai confini americani. Ad oggi i brani disponibili sono oltre 14 milioni, mentre i download hanno superato i 10 miliardi nel febbraio scorso, rendendo l’iTunes Music Store primo al mondo nella vendita di musica online. Negli Stati Uniti è anche il primo vendor assoluto di musica dal 2008, anno in cui il negozio virtuale ha superato i negozi fisici della catena Wall Mart.

Steve Jobs intuisce che la formula può essere applicata anche all’audiovisivo. Il negozio perde la parola “Music” nel nome e inizia a vendere videoclip, telefilm di culto come “Friends” e “Desperate Housewives”, poi giochi e film, di cui fruire in mobilità con l’iPod e, successivamente, anche con l’iPhone e l’ultimo nato, l’iPad. Al momento il catalogo dell’iTunes Store conta 65mila episodi tv e oltre 10mila film in vendita o noleggio, da guardare anche sul televisore grazie alla Apple Tv, da poco arrivata anche in Italia. E il legame tra musica e film diventa sempre più evidente, tanto che oggi, al primo posto della classifica dei brani più acquistati sull’iTunes Music Store è la colonna sonora del film di animazione Disney “Tron Legacy”, brani interpretati dai Daft Punk. La colonna sonora è stata messa in vendita lo scorso 10 dicembre, mentre la pellicola è appena arrivata sugli schermi italiani.

Con l’aggiornamento di iTunes del luglio 2008, la Mela dà il via a un nuovo business: lancia il fiorente mercato delle applicazioni per cellulari e obbliga i costruttori di smartphone alla rincorsa, tanto che il termine “App” diventa sinonimo, appunto, delle potenzialità dei programmi disponibili su Internet per i telefonini. Sull’App Store si possono scaricare oggi 300mila applicazioni per iPhone, iPad e iPod Touch rispetto alle appena 500 iniziali. I download hanno raggiunto quota 10 milioni nei primi quattro giorni e lo scorso ottobre hanno superato il traguardo dei 7 miliardi. Tra le app ci sono software per il lavoro e lo svago, utility, videogame.

Ma non solo. L’ultima scommessa di Apple è infatti l’editoria, con gli audiolibri (curiosità, il più gettonato è “L’arte di ottenere ragione”, di Arthur Schopenauer – Good Mood Edizioni), i 5 milioni di e-book scaricati dal nuovo negozio iBookStore e un numero crescente di quotidiani e riviste che pubblicano applicazioni per lasciarsi sfogliare su iPhone e iPad.

(da Repubblica.it)

Annunci

iTunes 10 e Ping: cosa cambia nel mondo dei social networks

iTunes 10 LogoCon l’avvento di iTunes 10 (scaricabile da qui) Apple ha lanciato un nuovo Social Network chiamato “Ping”.

Ciò che è possibile fare con Ping è simile a qualsiasi altro Social Network conosciuto, ossia condividere, commentare, raccomandare e recensire la musica su iTunes Store. Per gli artisti vi è la possibilità di creare pagine personalizzate (molto presto anche per gli artisti Wondermark) e per gli utenti vi è l’effettiva possibilità d’interazione con l’artista preferito ed un meccanismo virale di passa parola che porterà notevoli benefici in termini di acquisti.

Tune Kit: iTunes LP + iTunes Extra per tutti

Da quest’oggi Apple ha reso finalmente pubbliche le specifiche tecniche per la produzione di iTunes LP, ovvero il nuovo formato recentemete rilasciato per estendere i contenuti venduti su iTunes Music Store. Con iTunes LP si possono inserire veri e propri siti web navigabili all’interno di un album di iTunes, si possono includere video interviste agli artisti, contenuti speciali e naturalmente qualsiasi ulteriore gadget che estenda l’esperienza dell’utente o del fans al di là del semplice ascolto e scaricamento dei brani.

Il programma di iTunes LP per gli sviluppatori indipendenti sarà lanciato completamente entro il primo quadrimestre 2010, secondo quanto riportato dal sito ufficiale di Apple iTunes.

iTunes Video Music Store – Ora disponibile in Italia!

iTunes Music Videos StoreDopo anni di attesa, iTunes lancia finalmente la sezione “Videoclips” anche in Italia. Vendibili in prezzi differenti, i videoclips rappresentano certamente il primo passo nell’estensione dei servizi di iTunes Store, aspettando il lancio della sezione Film a noleggio e vendita, che finalmente porterà ad una comparazione dell’iTunes italiano a quello made in USA

Rock’n’Roll

Apple iTunes Event

Apple iTunes Event

Una lettera d’invito inviata a tutti i media, informa che il prossimo 9 Settembre Apple terrà un evento speciale a San Francisco. Nel passato Apple ha utilizzato simili occasioni per svelare nuovi prodotti e servizi musicali. L’unico indizio per ora disponibile è rappresentato dalla frase presente nell’invito “It’s only Rock’n’Roll but we like it”. La consueta mancanza di ulteriori informazioni lascia spazio per le solite speculazioni su cosa Apple potrebbe lanciare, in special modo per iTunes Store. Alcune voci di corridoio includono:

– La presenza o meno di Steve Jobs

– L’intero catalogo dei Beatles su iTunes

– iTunes aggiungerà un meccanismo di “Social Networking” al suo interno

– “Cocktail” svelato, ossia la rivoluzione che intende estendere il contenuto degli album in vendita su iTunes allegando video ufficiali, gallery fotografiche dell’artista, testi ed altri media, in un unico prodotto

– “Apple Tablet”: ossia il tablet PC di Apple, di cui si rumoreggia oramai da molto tempo

– Una nuova linea di iPod Touch, con più capienza e prezzo ridotto

– Una nuova linea di iPod completamente rinnovata

iTunes Store Messico

Lo scorso 4 Agosto, Apple ha annunciato la sua estensione di iTunes Music Store per il territorio del Messico. Popolato da oltre 111 milioni di persone , il Messico è ad oggi il più popoloso paese di lingua spagnola. Gran parte dei brani vengono oggi venduti singolarmente a 12 pesos e gli album a 120 pesos. Apple ha inoltre distribuito le sue popolari carte regalo in tutti i maggiori canali distributivi messicani quali Liverpool, Mixup, Office Depot, El Palacio de Hierro, Sanborns oltre che all’interno dei vari iShop, iStore e MacStore fisici.
iTunes Mexico

iTunes Mexico

Lo scorso 4 Agosto, Apple ha annunciato la sua estensione di iTunes Music Store per il territorio del Messico. Popolato da oltre 111 milioni di persone , il Messico è ad oggi il più popoloso paese di lingua spagnola nel mondo. Gran parte dei brani verranno venduti singolarmente a 12 pesos, e gli album ad un prezzo medio di 120 pesos. Apple ha inoltre distribuito le sue popolari carte regalo in tutti i maggiori canali distributivi messicani quali Liverpool, Mixup, Office Depot, El Palacio de Hierro, Sanborns oltre che all’interno dei vari iShop, iStore e MacStore fisici.

Il Messico estende ora la copertura di App Store a 77 paesi, mentre la copertura di iTunes Store sale ora a 23 paesi.