I Beatles hanno trainato il digitale nel 2010?

The BeatlesPeter Kafka, famoso giornalista di AllThingsDigital, fornisce una panoramica di ciò che è accaduto nel mercato statunitense in termini di download digitali.

Nell’articolo in questione Peter dichiara che è ancora troppo, davvero troppo presto per dichiarare finita la crisi discografica che affligge il settore da 10 anni: tuttavia ci sono chiari segnali provenienti dall’ultimo rapporto Nielsen Soundscan americano che parlano di un incremento costante, soprattutto nello sfruttamento digitale dei brani. Specificatamente le vendite in America sono salite dell’ 1.6% e ciò è dato dall’incremento digitale più accentuato rispetto a ciò che pareva essere uno stallo della crescita digitale, registrata nel 2010.

I rapporti di Warner, derivanti dal primo quadrimestre 2011, confermano questa risalita e diverse altre statistiche stanno confermando che per l’industria si avvicina una lenta ma costante risalita della china, dopo un decennio da dimenticare.

C’è chi dice che la causa dell’incremento digitale sia dovuto allo sbarco dell’intero catalogo dei Beatles su iTunes: ma questo sembra difficile da confermare, dato che l’arrivo della band di Liverpool è stato alla fine dell’anno 2010, in autunno.

Per coloro che amano cifre e statistiche, ecco di seguito la tabella dei dati di Nielsen Soundscan relativi al mercato USA.

Album Totali: +1.6%

Album Fisici: -8.3%

Album Digitali: +16.8%

Singoli Digitali:  +9.6%

Formati Fisici:

CD: -8.8%

Vinili: +37.0% (sebbene sia un 37% d’incremento rappresenta solamente il 2% dell’intero mercato)

Nuovi Brani: -7.0%

Brani di Catalogo: +5.4%