EMI: mangiata dalla Banca

EMI Music

Emi Music

EMI, la quarta etichetta major del mondo è ora controllata al 100% da una delle più grandi banche americane (Citi), assieme alla divisione publishing. Come previsto, Citigroup ha assunto il 100% di EMI Group Ltd., dal finanziere inglese Guy Hands e del suo gruppo Terra Firma, in una mossa di ristrutturazione che ha visto un taglio del debito da quasi 5.5 miliardi di dollari a meno di 2 miliardi di dollari. Nella speranza di assumere una positiva attitudine nei confronti dei media e non solo, di fronte ad una notizia del genere, il CEO di EMI Roger Faxon ha dichiarato:

“La ricapitalizzazione di EMI da parte di Citi è un passo estremamente positivo per la compagnia. Ci ha dato uno dei più robusti bilanci nell’intera industria con un modesto livello d’indebitamento e sostanziale liquidità. Con tali premesse, confidiamo nelle nostre abilità di muovere la nostra azienda in avanti, da ora in poi.”

Quale che sia il bilancio finanziario ora a disposizione di EMI, è difficile pensare che una banca possa essere interessata a possedere o mandare avanti una major discografica, lasciando prevedere che entro breve EMI potrebbe essere venduta, quasi inevitabilmente in varie sezioni e pezzettini.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...