Video musicali: internet supera la TV

Commentando la nuova direttiva sulla televisione senza frontiere, Enzo Mazza, presidente della FIMI, ha dichiarato: “la diffusione di musica in rete raggiunge un nuovo record con il sorpasso di internet sulla TV per numero di videoclip accessibili al pubblico, gratis, legali e disponibili sulle maggiori piattaforme, da Google video a YouTube, a Yahoo Launch! e molti altri. Ormai – ha proseguito Mazza – l‘offerta di video musicali messi a disposizione da parte dalle etichette discografiche su internet ha scavalcato anche in Italia l‘offerta presente in televisione, confermando la grande opportunità per i consumatori di accedere a contenuti on-demand tramite i propri computer e costruire palinsesti a propria scelta con migliaia di video musicali di artisti di tutto il mondo. La rete é ormai diventata una grande universale TV musicale”.

 Fonte FIMI

Nuovo Store Nokia in UK

Attivo in UK lo  store musicale lanciato da Nokia e già disponibile per i modelli di cellulare N81 e N95 . Fa parte del progetto OVI presentato ad Agosto 2007 e dovrebbe essere disponibile in futuro anche in altri paesi europei. I prezzi sono in linea con quelli di Itunes Music Store ed il formato dei files audio è quello Windows WMA a192Kbps  protetti tramite sistema DRM .

Un  interessante report sul suo funzionamento è stato pubblicato da Cellulare Magazine.

Mobango, social network su mobile

E’ tutta italiana la piattaforma Mobango creata nel 2004 dall’imprenditore Fabio Pezzotti. Cresciuta rapidamente negli ultimi mesi ora può contare oltre 2 milioni di utenti con un dato davvero significativo visto che il 60% si connette direttamente dal telefono cellulare.  “Il nostro punto di forza” ha spiegato Fabio Pezzotti “è nel mettere a disposizione della community una piattaforma che consente di produrre, condividere e convertire contenuti da Internet al cellulare e viceversa facilmente, con i soli costi della connessione.”

Leggi di più a riguardo in questo articolo de  IlSole24Ore

Nuove formule pubblicitarie per “Bebo”

Dopo le nuove strategie pubblicitarie dei social network MySpace e Facebook anche Bebo, la piattaforma diffusa in Europa e particolarmente in Gran Bretagna, si rinnova . Provando ad essere l’anello di congiunzione tra due sistemi, quello dell’audience e quello della rete sociale senza sottovalutare l’acquisizione di nuovi modelli di pubblico.

Leggi di più a riguardo in questo articolo di Visionpost.

Niente bollini SIAE?

E’ acceso il dibattito in corso in questi giorni in seguito ad una sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità Europee che dispone che l’obbligo di apporre sui CD contenenti opere protette dal diritto d’autore il contrassegno SIAE ai fini della commercializzazione, non può essere fatto valere nei confronti di un privato allo stato attuale in Italia.

Leggi di più a riguardo in questo articolo di Puntoinformatico.